TOP

Quando inizia il football ?

Che bello !!! Mancano solo due mesi all’inizio della stagione NFL, non ho una squadra del cuore ma almeno proverò di divertirmi guardando il football, purtroppo però mancano ancora tre mesi prima di mandare agli archivi questa insulsa, scoraggiante e da un po’ anche oscena stagione 2014 dei Red Sox, stagione che per il livello del gioco prodotto rischia addirittura di oscurare quella del Circo Barnum di Bobby V.

Scott Carroll è l’ultimo pitcher di livello modesto ad essersi trasformato in un satanasso giocando contro il nostro pseudo-attacco. Prendo lo spunto da un articolo comparso sul sito della radio WEEI che enuncia tutti i “Signor Nessuno” che hanno messo la museruola ai nostri partendo da quel 2 giugno quando finì quella serie di 7 vittorie consecutive che aveva riacceso qualche speranza : Jackson (Cubs), Gibson (Twins), Nuno (Yanks), Correia (Twins), House (Indians), Smyly (Tigers) e per finire Carroll dei Chisox. Sommando il record di questi pitcher viene fuori un 25W – 45L che aiuta a capire dove sia il nostro problema.

Certo che questa stagione dopo la scorsa è una bella secchiata di acqua gelida che viene a spegnere le nostre pretese di costruire una squadra che possa essere un “contender” fisso. Ovvio che in questi giorni sia facile vedere tutto nero, fatto sta che nelle ultime cinque stagioni abbiamo raggiunto la post-season solo una volta, vero che quell’unica volta sia stata un’avventura che verrà raccontata alle generazioni future, ma è anche vero che fatto salvo quel meraviglioso incidente chiamato “anello 2013”, questa organizzazione non riesca più ad essere un fattore nel mondo iper-selettivo delle Majors. Tanto per ricordare come erano partiti John Henry & Soci, nei primi sette anni della loro gestione i Sox furono capaci di raggiungere la post-season in sei occasioni ed era all’epoca anche più difficile visto che all’epoca i posti buoni erano solo otto.

Ormai non c’è più granchè da fare, tra breve aprirà la stagione dei saldi coi Sox che si trasformeranno in un qualcosa di molto simile ad un outlet dove anzichè abiti e borse verranno messe in vendita abilità baseballistiche più o meno presunte, gli ultimi rumors parlano di un interessamento dei Seattle Mariners per Johnny Gomes e di uno un po’ più “spinto” dei Cardinals nei confronti di Jake Peavy, con la franchigia del Missouri che ha mandato vari scout alle ultime partite del texano, tra parentesi ricordiamo anche che l’anno scorso furono proprio i Cardinals a fare una discreta corte a Peavy prima che partisse la trade che lo portò da noi.

Dopo l’All Star Game ( a proposito … Lester unico chiamato) cambieranno probabilmente tante cose, il numero di uomini dei Sox “tradabili” è pressochè infinito, diciamo che tutti i giocatori in scadenza di contratto a breve possono prendere la porta, mi piacerebbe tanto che si imbastissero affari con la logica anche di costruire qualcosa per il futuro e non solo per abbassare il monte stipendi. So già che resterò deluso, dovesse partire anche l’uomo che in questa orrenda stagione riesce a ritagliarsi un posto all’All Star Game sarebbe molto peggio che restare deluso. Mi chiedo come sia possibile costruire una squadra da vertice, sempre ammesso che i Sox lo siano ancora, con solo giocatori dalla nostra farm più qualche veterano a fine carriera con contratti corti o cortissimi. Mi si può dire che Mr.Moneyball a Oakland lo fa e che ottiene grandi risultati, c’è solo un piccolo particolare : con quella politica, pur con la bravura di Billy Beane e del suo staff, gli Oakland Athletics non fanno le World Series da quando avevano Josè Canseco e Mark McGwire. Così … tanto per puntualizzare

Share

20 comments. Leave a Reply

  1. mauro

    La tua ultima puntualizzazione Paolo è acuta: OAK è una franchigia costantemente in lotta per la postseason, ma che quando finalmente riesce a cogliere l’obiettivo termina subito l’avventura nelle LDS. D’altra parte, limitatamente agli ultimi 5 anni, vi piacerebbe essere conteder duraturi con TEX o DET? Non credo. Oramai sembra diventata quasi una regola che le squadre che si affermano nelle WS si aggiudichino la WS sul filo di lana. Facendo un parallelo con il Palio di Siena, ultimamente vince sempre chi parte di “rincorsa”, quello invece che vivono una stagione tranquilla al top della division, poi non riescono a dimostrare il loro valore negli scontri diretti. Questo credo sia un fatto, che poi accada per un motivo o sia solo una fluttuazione statistica è difficile dirlo. Comunque sia l’unica franchigia che negli ultimi anni si è dimostrato un conteder duraturo sono i STL. Forse sono loro il modello da copiare, non i gialloverdi della baia.

  2. Euro

    Intanto hanno DFAto Pirlinsky e salirà Vasquez che esordirà stanotte, il 2015 è già dietro l’angolo, consoliamoci così.

    • mauro

      Era ora!

  3. Max

    Vediamo se Ben riesce ottenere qualcosa dai veterani (esclusi alcuni tra cui si spera Lester) …

  4. Roberto

    Comunque a parte tutto…a parte la stagione schifosa…il fenway stanotte é esploso nel walk off di bolt come se fossimo ancora in corsa…!!grandi i tifosi sox!

  5. greed17

    Partita emozionante

  6. stefano70

    Da mesi si va dicendo LARGO AI GIOVANI.
    azzo, magari con la partita di stanotte se accorge anche chi di dovere che questa è la strada.

    • Max

      Temo ti prendano alla lettera … 😉

  7. mauro

    Interessante intervista stamattina al David Letterman Show, nel quale è intervenuto un giornalista sportivo ESPN del quale non ho memorizzato il nome, chiamiamolo X. In particolare è stato divertente quando X ha sostenuto, parlando dei mondiali di calcio, che ” il soccer è lo sport del futuro negli USA e lo resterà per sempre :-)”.
    E’ dal 67 che se ne parla in america e l’interesse suscitato dal calcio assomiglia a quello per il nuoto alle olimpiadi: tutto molto bello ma se ne parla ogni 4 anni. Credo che abbia ragione e personalmente lo spero. L’alternativa è un intero universo calciofilo di entropia massima (dal punto di vista del divertimento).
    A tale proposito mettiamo a confronto due eventi occorsi stanotte. Seconda semifinale in Brasile: partita tremendamente noiosa per gli spettatori neutrali, dominata dai distruttori di gioco, senza quasi un tiro in porta, senza quasi emozioni. Eppure paradigmatica di quello che il calcio può offrire oggi: questo è il massimo dello spettacolo che il calcio può offrire. Fortunatamente per il calcio e per me, che tifavo Argentina, il calcio è proposto ai tifosi e non agli spettatori. Per i tifosi il tempo è trascorso abbastanza piacevolmente, nella speranza, mal riposta, che prima o poi accadesse qualcosa. Ma la mente tifosa è diversa. Non credo che ieri sera ci fosse un tifoso olandese seriamente rammaricato per l’assenza di Di Maria, anche se ciò ha senza dubbio contribuito allo squallore dello spettacolo.

    Non che la prima semifinale sia stata più divertente. Parte della stessa torcida brasileira ha abbandonato lo stadio in lacrime abbondantemente prima della fine. E’ vero che lo ha fatto per disperazione e non come razione al deprimente spettacolo offerto, ma l’hanno fatto. Al Fenway Park invece i nostri son rimasti al loro posto, sebbene nulla, né l’andamento della partita né i recenti precedenti, potesse far presagire l’emozionante epilogo. Sicuramente ci saranno tifosi anche al Fenway, ma altrettanto sicuramente la maggioranza è composta da spettatori appassionati del gioco, sicuri che troveranno remunerato il prezzo pagato per il loro biglietto almeno da qualche giocata spettacolare offerta dei campioni delle MLB. Queste persone restano fino alla fine perché sanno che solo nel baseball “It ain’t over ‘til it’s over” e quando vanno a vedere le calzette contri i pigiamini sono contenti che giochi Darek Jeter.

    Un altro tema trattato da X è la prossima ASG: non interessa a nessuno. Un tempo la ASG serviva a far vedere un po’ di più le star in TV, come per esempio il confronto fra Koufax e Mantle. Questo presupposto è venuto a cadere in epoca di internet perchè oramai i baseball è pervasivo e presente su tutti i dispositivi (dalla TV, allo smartphone, al videocitofono) h 24. Cercare di incrementare l’interesse mettendo in palio il fattore campo nelle WS non ha senso, semmai, secondo X, potrebbe essere più coerente che la posta sia l’utilizzo del DH. Idea interessante, che però secondo me, non salverà lo ASG dall’estinzione.

    • stefano70

      Credo che la differenza fondamentale tra i “tifosi” dei 2 sport è che noi siamo innamorati del baseball; quelli del calcio l’importante è vincere a tutti i costi.
      Mentalità anni luce.
      Un aneddoto: qui in provoncia di Vicenza, è stato offerto ai ragazzi un corso di calcio e di entrare in squadra e il prorietario ha affisso un cartello chiaro ed inequivocabile ai genitori intenzionati a iscrivere i propri ragazzi che il corso e la squadra erano per chi ama il calcio e vuole imparare e divertirsi; “pregasi coloro che si ritengono campioni di iscriversi ad altri club”.
      Ebbene il campo è andato quasi deserto e il proprietario sepolto da polemiche paesane.

  8. Salvo

    Abbiamo vinto!!!! Grandissimi ragazzi, siete fantastici!!!

  9. mauro

    Jose Quintana: un’altro SP miracolato dalle ns mazze. Suggerisco questo slogan per la stagione.
    Red Sox: una speranza per tutti!

  10. mauro

    Peccato, sfumato il perfect game per Quintana!

  11. mauro

    Grande JBJ, mi piace questo ragazzo

  12. Xtef.

    salvo JBJ !!

  13. Xtef.

    doppio per il Papi !!!!

    • Greed17

      Sarà vecchio non ne colpira più tante come una volta ma i suoi hit pesano sempre tantissimo

  14. mauro

    A me non sembrava una chiamata così chiara da essere ribaltata

  15. Greed17

    eh andiamo Put**** Me**** Ph azzeccato una volta tanto

  16. mauro

    Beh, se non ci fanno venire il cagozzo non son contenti. Ma in alto i cuori, questo è solo il secondo passo di una fantastica rimonta!

Leave a Reply

Your email is never published nor shared.

You may use these HTML tags and attributes:<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>