TOP

Forza Longobarda !

Ieri sera ammirando (si fa per dire) gara-4 tra Sox e Jays mi pareva di assistere alle gesta della mitica Longobarda allenata dall’unico ed inimitabile Oronzo Canà (in arte Lino Banfi); la squadra per la quale il presidentissimo Borlotti aveva coniato il motto : “Perdere … e perderemo”. Una ricerca continua della sconfitta, ricerca condotta con successo quasi in maniera pervicace. Ovviamente capisco le esigenze di gestire le forze in un campionato da 162 partite in sei mesi e capisco pure che veniamo da 8 partite in 7 giorni condite da due maratone di extra-inning che non finivano più, anche se mi chiedo quale sollievo possa ricevere Sale da una dilazione di 24 ore del suo impegno oppure come possa migliorare la tenuta atletica di Pedroia giocando solo in attacco. Diciamo che abbiamo provato di rinunciare a qualcosa oggi, sperando di avere di più domani; se questo auspicio si materializzerà lo vedremo da stanotte in California.

L’altra cosa che mi fa sorridere ripensando alla sfida con Bautista & Co. è questa : come vi sareste sentiti voi se dopo aver comprato il biglietto nei giorni scorsi, credendo di vedere Sale sul monte, vi avessero mostrato Fister ? In America è normale, anche spulciando negli angoli più remoti del web non ho trovato uno che abbia rimarcato la cosa, dalle nostri parti le persone più civili avrebbero presentato una denuncia tramite il Codacons, quelle meno civili avrebbero comprato un litro di benzina, poi con la benzina avrebbero riempito una bottiglia ed avrebbero tirato una molotov contro gli uffici dei Sox. Non voglio assolutamente ergermi a moralista, io pure non credo avrei reagito benissimo. Mi immagino immerso in una vacanza baseball/cultura nel Massachussetts, compro il biglietto gasatissimo credendo di vedere quel marziano di Sale, poi il giorno dopo Mr.Farrell mi comunica che vedrò invece dei bravi ragazzi che fino ad ora hanno giocato al Fenway come io ho corso a Montecarlo. Non avrei tirato la molotov, ma una sequenza di improperi irriferibili nel mio più puro dialetto romagnolo credo proprio di sì. Quando dico che l’America è lontana intendo anche cose simili, l’approccio tra noi e loro è opposto … non c’è verso.

Tornando al baseball giocato, non c’è moltissimo da raccontare se non che si continua a reggere più concedendo poco che producendo molto e mi sembra chiaro che l’unico che abbia le chiavi per sbloccare la situazione in attacco sia Hanley Ramirez, quando lui gira il motore dei Sox suona bene, quando lui non gira sferraglia come una Fiat Panda scassata. L’altro giorno ho letto un articolo dove si diceva che Ramirez, col suo carattere molto “easy”, era assai funzionale nel tenere in piedi una squadra dove c’erano un po’ troppe facce scure e preoccupate; io, se devo essere sincero, l’approccio al gioco di Ramirez non l’ho mai adorato; è vero però che c’è in giro un’aria che assomiglia un po’ troppo a quella del 2011, con un manager che non sembra avere il polso della squadra, coi giocatori che decidono di loro iniziativa le strategie in momenti topici (mi riferisco alla ormai famosa doppia rubata al 9° contro gli Yanks) e con un po’ troppa gente che sembra portare in campo delle paure ingiustificate. Forse l’atteggiamento da “bambinone” di Han-Ram ci può alleggerire il clima, ma comincio ad avere un po’ paura di ciò che vedo e di quel poco che si può percepire.

Capitolo mercato : un must di questi tempi. I pigiamini han fatto la loro mossa, io resto dell’idea che Frazier non mi faceva impazzire, Robertson invece lo avrei accolto molto volentieri. Ed ora che si fa ? Di sicuro sembra ormai deciso, tutti i segnali portano in quella direzione, che noi staremo bassi con le contropartite. Purtroppo aver dato via quasi tutto il farm system nello scorso inverno ci porta ora ad avere pochi asset spendibili. Insomma … se uno ci chiede Devers, la trattativa nemmeno comincia. Devo essere sincero, dopo la mossa di Cashman avevo il timore che Dombrowski vendesse anche l’anima al diavolo pur di dare una risposta, è trapelata la notizia di una riunione con la proprietà proprio nella sera del comunicato dal Bronx. Ovviamente il contenuto dell’incontro è top secret, ma non ci vuole un genio a capire di cosa abbiano parlato, tempo per fare delle mosse ce n’è ancora tanto, ma non devono essere mosse fatte tanto per fare. Io mi sto sempre più orientando verso un’idea : ovvero che i vari Nunez e Lowrie possono stare dove sono. A settembre quando si espande il roster facciamo salire Devers e vediamo come se la cava, insomma … come con Bogaerts nel 2013. Andare a prendere due giocatori storicamente fragili non mi pare una gran idea, diverso è il discorso del bullpen, lì l’innesto ci vuole, meglio se izquierdo, anche se si mi pare che ci sia molta più abbondanza di destri.

Per ora bene così … rotta ad ovest. Anaheim e poi Seattle ed il solito vantaggino minimo in classifica, vantaggino che poteva e doveva essere molto più corposo, ma oramai ce lo diciamo sempre … chissà … con Oronzo Canà al posto di Farrell le cose migliorerebbero. Ne sono sicuro

Share

15 comments. Leave a Reply

  1. diegodoa27

    anche a me l’approccio scanzonato del “Gullit biondo” H. Ramirez non piace. sembra che si stia divertendo anche qnd fa 0/3 dal piatto

  2. Mauro

    Forse Ferrell sta ancora lì proprio perchè ci sono individui poco raccomandabili in giro. Ancora dovrebbe essere vivida l’immagine di Oronzo Valentine Canà per ricordarci che al peggio non c’è mai fine. C’è chi ha nostalgia di Francona, ma sono abbastanza vecchio su questo blog per ricordarmi che anche all’epoca ci lamentavamo dei cambi ritardati dello starter, quando le stalle si chiudevano dopo che i buoi, non solo erano scappati, ma macellati e venduti al supermercato. D’altra parte forse non era tutta colpa di Francona, forse si fidava troppo del suo pitching coach che all’epoca era … Farrell. Aiuto!
    Insomma o usciamo da questo giro perverso o è meglio lasciare le cose come stanno

    • 2five34

      Il peggior cambio ritardato resta quello di Pedro nell’ALCS del 2003 contro i pigiami.

  3. pberti

    Bello rivedere Mike Timlin. Non serve dirlo ma lo dico : “Quelli del 2004 sempre nel cuore !!!”
    Lui poi fece anche doppietta nel 2007

    • diegodoa27

      il Panda ha giocato 150 partite con noi ed è stato pagato praticamente 633000 $ a partita. Non un grande affare con il senno di poi.

  4. Max

    Super Partita Pasticcio!

  5. diegodoa27

    quindi il Panda è tornato nella baia?

    • Skuffia

      Per ora nelle minors dei Giants.
      Ma noi continuiamo a pagargli lo stipendio pieno fino a fine contratto?

      • diegodoa27

        ho letto che i Giants hanno un’opzione per il 2018 e 2019. ma onestamente non so ora chi lo paga

        • pberti

          I Giants al massimo gli daranno solo il minimo salariale che è poco più di 500mila dollari. Il resto (enorme) lo pagheranno i Sox. Per vs. informazione il Panda becca : 17,6 mil. nel 2017, 18.6 mil. per il 2018 e 2019 e 5mil. di buonuscita per il 2020.

          • Skuffia

            Quindi che utilità c’è nell’averlo DFA?
            Piuttosto lo tenevo a Pawtucket!

      • Max

        I Sox pagano il resto del loro contratto, i Giants il minimo salariale

  6. Angelo Mozzetta

    No, ma prendiamolo un HR…che partita strana, condita da un souvenir geniale!

  7. Skuffia

    Martedì esordio di Devers

  8. Angelo Mozzetta

    Nunez ufficiale. Come erano i prospetti?
    http://pnw-b.ctx.ly/r/5qxrr

Leave a Reply

Your email is never published nor shared.

You may use these HTML tags and attributes:<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>