Non è il 2018

Ammiro il coraggio di Cora che un paio di giorni fa ha detto che cominciava a sentire l’aria del 2018, se davvero credeva a ciò che stava dicendo davvero non lo so, fatto sta che poche ore dopo è stato smentito clamorosamente da una di quelle sconfitte che non sono solo una L in più nelle classifiche, è arrivata una di quelle botte che non fanno per nulla bene per una squadra che teoricamente dovrebbe tentare una rimonta.

Matt Barnes dice che stanno facendo tutto il possibile per essere pronti ogni santo giorno, encomiabile la sua dedizione, ma non nascondiamoci che lui, ma non solo lui, sembrano aver il livello della benzina tendente alla riserva. D’altra parte abbiamo un bullpen costruito così : nessuna stella, qualche buon giocatore ed un certo numero di giocatori raccattati letteralmente dalla strada. Ora capita che uno dei pochi affidabili (Hembree) è infortunato e siamo in una sequenza con un sacco di partite “strette”. Il risultato di questa contingenza è stato un sovraccarico sul braccio dei pochi giocatori affidabili, sovraccarico che poi può portare a dei collassi come gara-2 con Toronto, con giocatori non pronti buttati nella mischia (Shawaryn) e coi veterani che cominciano ad avere il braccio corto.

La logica vorrebbe quindi che i Sox si mettano alla ricerca del rinforzo a luglio, cosa che vedo molto richiesta anche nella bacheca. Ora so che sto per dire una cosa complessa e non proprio popolare : ma è davvero questa la strada da seguire ? Mi spiego meglio. Io non ho l’impressione che con un bel rilievo in più questa squadra faccia il “click” che serve per essere un contender serio. Se dico che non è il 2018, lo dico anche perchè non è solo che mancano i rilievi, non è il 2018 perchè ci sono mancanze anche in altre aree. Non mi sembra di dire una bestemmia se dico che il lineup ha alcuni giocatori un po’ in una fase involutiva, idem se dico che anche qualche partente delude. L’arrivo del “rilievone” farebbe svoltare i vari Benny, E-Rod in difficoltà e farebbe riemergere i vari Pearce e Eovaldi che sono spariti dagli onori del mondo ?

Ovviamente molto verrà deciso dalla trentina di partite che mancano alla trade deadline. I tre casi sono : 1) la squadra decolla 2) la squadra crolla 3) tutto resta così com’è. Ovviamente nell’ipotesi 1 si va al mercato per la ricerca del rilievo … e semmai di qualcos’altro. Nell’ipotesi 2 invece si venderà ciò che si può e si proverà di abbassare il monte stipendi per avere un po’ di spazio salariale per il 2020. Ma se invece si verificasse l’ipotesi 3 che detto tra noi è l’ipotesi più probabile ? Facciamo un po’ di fantabaseball, siamo al 29 luglio e ci troviamo in lotta per l’ultima wild card con un mucchio di altri pretendenti. In un caso simile ammetto che penserei più al 2020 che al 2019. Se per continuare al fantabaseball uno mi venisse a chiedere Porcello (ipotesi) con un’offerta decente io un pensiero lo farei. Mettiamoci in testa una cosa : ci sono troppi ingaggi pesanti e sono proprio quell’eccesso di ingaggi pesanti che poi provocano il dover affidarsi a degli acerbi Shawaryn o a dei Brasier che fino a pochi mesi fa mai avrebbero pensato di lanciare nelle Majors.

Voglio lasciarvi con una ulteriore provocazione : se arrivasse una squadra X e ci venisse chiesto uno dei giocatori col contratto “top” (Price, Sale o chi volete voi) e ci venisse offerta in cambio una contropartita adeguata (top prospects) voi cosa fareste ? La trade del 2012 quando ci liberammo di tanti contratti pesanti non fu la base del meraviglioso 2013 ? Lo so … l’ho sparata grossa … saluti a tutti

Share

34 thoughts on “Non è il 2018

  1. Questo gruppo ha già ottenuto 3 division titles + una WS, se vi fosse la possibilità che paventa il blogger la prenderei.
    Ad ogni modo venerdì mattina ho un volo per Londra e sabato vedrò gara1 delle London Series! I pigiami sono lanciati, ma spero proprio di vedere dei Sox in giornata ed una W.
    Go Sox !!!

  2. Non bene fin’ora. Nonostante si sia partiti con un lanciatore vero sul monte, facciamo fatica, ed al piatto non riusciamo ad incidere come dovremmo.
    6° inning, sotto due a zero, 0 outs, e 3ª occupata.
    Pessimi segnali.

    • Sarà pure la serie delle rimonte questa contro Toronto, ma sto giro la vedo dura. Diciamo pure impossibile.
      Non c’è un solo segnale di risveglio da parte dei nostri, non saprei a chi/cosa aggrapparmi.
      Partita orribile. Più che i primi 6 inning di oggi, sembrano essere dal 10° al 15° di ieri.
      Disastrosi.

  3. Riallacciandomi al discorso principale, io Porcello lo darei subito. Ha l’abitudine di prendere stamponi in qualsiasi momento, anche quando sembra in controllo. Preferisco, anche se inferiore come giocatore, la conduzione di partita di E-Rod, più lottatore e più sul pezzo.
    Per me l’unico non trattabile del monte è Sale. Opinioni mie, da fan più che da esperto.

  4. Partita veramente orribile … comunque, sul discorso di Paolo, penso che se abbiamo speranza di entrare ai playoff, anche se dalla porta secondaria (quella principale mi pare da escludere), si lotterà fino in fondo. Difficile pensare che una proprietà che investe in payroll oltre 232 MLN, rinunci alla difesa del titolo, se c’è un’opportunità, anche dopo una stagione molto meno sfolgorante del 2018. Comunque potremmo essere clienti molto difficili nei playoff.
    Sullo spazio salariale poi, occorre considerare che una mano ce la daranno i FA; se non rinnoviamo i vari Porcello (oltre i 21), Moreland (6,5), Pearce (6,25), Nunez (5), Holt (3,575), Thornburg (scontato 1,75), Ramirez (0,555), oltre all’agognato risparmio dell’ingente quota parte dello stipendio del Panda (18,455), si possono mettere da parte fino a 63 MLN e spicci, sempre che JD non scelga l’opt out (…e speriamo di no). Da ultimo, ci sarà da mettere a posto anche la questione Pedey…
    Il discorso mi pare diverso se crolliamo nel prossimo mese…ma francamente spero di potermi risparmiare un baseball così orrendo come quello di ieri e di stasera.

  5. Fare pronostico sui Red Soz 2019 mi sembra francamente impossibile. Dopo la serie a Minneapolis si respirava un’aria di ingiustificato ottimismo, come ingiustificato sarebbe il pessimismo cosmico dopo la serie con Toronto. Siamo altalenanti e tali rimarremo fino alla fine, alternando buone prestazioni ad altre pessime. Porcello di ieri e quello della partita precedente sono emblematici.
    La verità è che il titolo divisionale non è mai stato alla nostra portata. I MFY si sono attardati per una serie enorme di infortuni ma hanno tenuto il passo e ora che sono tornati i titolari prenderanno il largo. D’altra parte hanno un solo titolo nel primo ventennio del XXI secolo, sono affamati e hanno così tante risorse che possono bruciare nelle fornace le mazzette di dollari che gli avanzano per riscaldarsi a Natale. Nonostante questo, se riuscissimo a arrivarci, credo proprio, come dice Mac che “comunque potremmo essere clienti molto difficili nei playoff”, sempre che tutto giri per il verso giusto. Alla fine saranno sempre 18 giocatori a affrontarsi in campo, nè di più nè di meno.
    Quindi, tirando le somme, io investirei per incrementare il bullpenn. Quello che abbiamo non è sufficiente per qualsiasi scenario. Per il resto speriamo nell’imposizione delle mani del sacro guru Alex Cora.
    Invece per il 2020 non sono troppo fiducioso nelle capacità di DD

  6. Ma siamo sicuri che una squadra X ci possa chiedere Porcelo o Price e non un Betts, Devers o Benintendi? Allora che si fa? Io per i pitchers potrei darli via tutti ma sul field avrei grossi dubbi a lasciare qualcuno. OK che le mazze non sono così calde quest’anno, ma abbiamo visto la loro potenzialità.

  7. Pensierino della sera… ho appena letto che il nostro Scarson è stato congedato dai Sox; mi ricordo quando lo prendemmo dai Mariners era il primo anno di DD … leggevo qua e là i commenti: tutti a nostro favore. Senza contare le altre pedine coinvolte nello scambio (Aro ed Elias), perdevamo un cosiddetto mangia inning Wade Miley e acquistavamo un fortissimo rilievo … Poi l’infortunio il TJS, che per i maligni già a Seattle si aspettavano, e bye-bye, senza dimenticare il nuovo infortunio alla spalla con lancio del guantone nel dugout. Miley, per la cronaca, macina, ancora bene, degli inning per gli Astros. L’anno dopo andò probabilmente anche peggio, DD prese Thornburg per Shaw e 3 prospetti … Ora più che mai, Dealin’ Dave ha l’occasione di rifarsi: non dico, per contrappasso, di prendere 4 rilievi per 1 prospetto… pure un po’ scarso, non dico nemmeno di portare a Fenway il “rilievone” cui alludeva Paolo, ma un bravo mestierante sì, per la verità sarebbero meglio due …

  8. Dovrebbe rientrare Wright e probabilmente a lui si può pensare come closer. Vedremo. Volendo esagerare, il closer esperto a Pawtucket ce l’abbiamo già, un altro coinvolto in guai simili (reiterati per giunta) a quelli di Wright, ma con qualche anno in meno, Jenrry Mejia. Ma le stats attuali dicono che la testa e il braccio non sono del tutto OK. Comunque Go SOX!!!!

  9. Grande Devers e W rassicurante. Siamo 44-37 alla metà esatta della stagione regolare. Per esserci in ottobre siamo obbligati a fare molto meglio nella seconda metà. Siamo 10 W nelle ultime 13, un passo da cercare di mantenere. Go SOX!!!!

  10. Abbiamo visto: Come regalare una partita provandoci in tutti i modi. Perché tenere un lanciatore sul monte quando è evidentemente in crisi? Una volta usato Brian Johnson come PR perché non lasciarlo nel suo ruolo naturale di pitcher e invece ripiegare su Barnes? Misteri dell’influenza Farrelliana. Ma forse a Boston hanno le stesse temperature infuocate che abbiamo noi ed è evidente l’effetto. Londra ci attende e ci arriviamo suonati. In ogni caso. Go SOX!!!!

    • Inizio terrificante di Porcello e compagni.
      1° inning, 0 a 4, 1 out e 2ª occupata.
      Sarà una serata di merda!

      • 0 a 6, e sempre 1 out.
        Non ho parole. Non mi ricordo di un inizio del genere!
        Praticamente finita al 1° innig.
        Cambio inevitabile sul monte, entra Brewer, che comincia subito concedendo la 1ª base.
        Che voglia di spegnere tutto che ho! 😡

  11. 0-6 Passerà alla storia come il London Massacre. Qualcuno se la sente di unirsi al grido Go SOX!!!!

  12. Mookie corre a casa su invito di Devers per il 1° punto, e dagli spalti si leva il coro che vogliamo sentire;
    LET’S GO RED SOX…..LET’S GO RED SOX
    C’mooooooon!!!!!

  13. 0 out e basi piene come un cocomero.
    Se non recuperiamo adesso, non recuperiamo più.
    Benny al piatto. Dai cazzo! Dai!

    • Chavis la spara sulla luna, JD e Brock ringraziano e calpestano il piatto per un gioco da 3 punti che impatta la gara sul 6 pari.
      Se non era per l’amico 2five 34 che mi ha dato coraggio, avrei spento tutto! Tanks bro!
      JBJ in 1ª, mookie alla battuta, 2 outs. Che partita amici, che emozioni!
      SEMPRE-FORZA-REDSOX

  14. Siamo punto e a capo. 6-12
    Un miracolo l’abbiamo fatto, al secondo, non credo neanche se lo vedo.
    Sta volta è finita davvero

  15. Stiamo andando in rovina. Sempre peggio e i problemi sono sul monte di lancio. Ma ancora Go SOX!!!!

  16. Anche l’ultima possibilità di pareggio è andata. Una persa. Domani è un altro giorno. Go SOX!!!!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.