Dopo aver vinto la serie B … ora si va in serie A

Ciao Nation ! Anzitutto volevo ringraziare tutti quelli che m’hanno mandato gli auguri per il mio giretto sull’ottovolante chiamato Covid, il giro è finito e son tornato più o meno al massimo regime. Ma andiamo alle cose dei nostri Sox perchè, come diceva Flavio Oreglio a Zelig, il momento è catartico

Bello essere tornati nella corsa playoffs, eh ? Addirittura siamo attaccati ai Jays e davanti ai Raggetti per i quali è lecito corrispondere lo stesso amore che nutro per il Covid. Aggiungiamo che siamo pari praticamente alla coppia Minny e Cleveland ed il resto dell’American League West e Central ci legge la targa. Tutto molto bello, se non fosse che per fare questa bella rimonta abbiamo assommato vittorie su vittorie … contro una splendida compilation di squadre di bassa classifica e prima o poi le squadre di “serie B” finiscono, quel prima è arrivato ed è stasera a Cleveland.

Avete visto la sequenza di match che c’aspetta ? a Cleveland, a Toronto, a Chicago sponda Cubs (l’unica agevole), poi un tourbillon andata/ritorno con Yanks e Rays, di nuovo Toronto e Cleveland, per arrivare tra fine luglio ed il principio di agosto a sfidare Milwaukee e Houston. Non male. I nostri sono pronti per digerire questo menù parecchio indigesto ?

Io dico di sì … e vi do la motivazione. E’ vero che il calendario recente era morbido, ma è anche altrettanto vero che le partite di aprile non è che avessero un coefficiente di difficoltà molto differente, se in questo giugno s’è vinto partite che ad aprile si perdevano significa che ora i nostri “fanno baseball” e non anti-baseball. Il monte continua a reggere e tra breve dovremmo rifare la conoscenza di Chris Sale, che se anche tornasse al 60% sarebbe un rinforzo coi fiocchi ed in attacco non sembriamo più quella strana squadra che affrontavi tirando 4 palle in terra a Bogey, Devers e JD e ti giocavi gli altri sei in scioltezza. I tre amigos son sempre caldi ma ora non sono più dei profeti in mezzo al nulla, a noi basta che gli altri facciano “il loro”, aggiungo una menzione per Duran che non sembra più il pulcino spaventato che parve l’anno scorso, e poi a me un leadoff con le ali ai piedi piace proprio come concetto di base, un po’ come tutte le “regole storiche” del Vecchio Gioco.

Quindi stasera prima tappa del tour-de-force in quel di Cleveland. Pecco di scarsa considerazione dei nativi se dico che Guardians mi fa pena ? Son cresciuto con gli Indians ed il capo Wahoo in Ohio … ed a Nettuno, così come quando iniziai a guardare la NFL c’erano i Washington Redskins che facevano faville. Erano così lesivi questi nicknames ? Tempo fa lessi un’intervista al capo della Nazione Navajo che dichiarò di non essere offeso per nulla dal termine “redskin” e che anzi tifava come un matto per la squadra della capitale. In America sono fatti così : seguono in maniera pedissequa queste “questioni d’immagine” e poi tralasciano i temi davvero decisivi. Forse qualcuno ricorderà che anni fa arrivarono a vietare Speedy Gonzales su Cartoon Network perchè lesivo, a loro dire, dell’immagine dei messicani. Furono gli stessi messicani che, con petizioni di protesta, imposero il ritorno di Speedy, a loro vedere “el raton mas rapido de todo el Mexico” che disponeva a piacere del gatto gringo divertiva assai. Forse se ci fosse più equità da parte della polizia ed in certe corti di giustizia i nativi, i latini e le altre minoranze sarebbero ben più contente che non vedere Indians e Redskins.

Share

33 thoughts on “Dopo aver vinto la serie B … ora si va in serie A

  1. Grandissimo! Ben tornato e ben guarito. Oltre che un vero docente sul baseball e sui nostri sox, concetti esemplari sui nomi delle squadre e sulla esagerazione americana sul politically correct.
    Spero solo che non cambino il doppiaggio de “la squadra più scassata della lega”.
    GO SOX

  2. Duran ormai credo possa giocare regolarmente, rispetto a JBJ non c’è paragone.
    Io poi darei più spazio a Refsnyder.
    Domanda ai più esperti: Schreiber potrà essere un fattore?

  3. I Red Sox hanno vinto la loro settima serie consecutiva, la sesta partita consecutiva, 8-2 nelle ultime 10. Il record nel mese di giugno (8-4) ci permette ora di essere al secondo posto nell’American League East e al primo nella Wild Card Race con un vantaggio di 1,5 GA.
    Cerco di rimanere calmo, evitare i voli pindarici, mi ripeto che nel baseball non si può prevedere il futuro basandosi sul quello che è successo nel passato (come è evidente da come eravamo messi ad aprile), ma è difficile non farsi prendere dalla frenesia.
    Fra meno di un paio d’ore affronteremo i Guardians per la sweep, dopo aver vinto le prime due gare con imbarazzante disinvoltura. Cleveland sembrava essere uno scoglio veramente impegnativo, ma abbiamo vinto dominando in ogni fase della partita. Come al solito, in queste situazioni di stato di grazia, ogni cosa (o quasi) va nel verso giusto.
    Winckowski, un rookie con solo tre partenze nelle majors, sembrava dovesse crollare al terzo, quando ha concesso due ER, ma si è ripreso e ha terminato con 6H, 1 BB 4 SO in 5.1 IP. Winckowski è stato fatto scendere con un conteggio dei lanci finale di 77 ( di cui52 strike). Ha indotto tutti e cinque i suoi swing-and-miss con uno slider, un lancio che ha utilizzato 29 volte.
    Verdugo, non proprio il ns battitore più in forma, pesca il jolly con 2 uomini in base. Verdugo ha colpito alla velocità di 108,8 mph il terzo lancio di Bieber, una knuckle-ball a 81 mph piazzata sulla metà interna del piatto, spedendo la palla a 447 piedi di distanza, fra i sedili del campo sinistro. È stato il quinto fuoricampo di Verdugo in questa stagione e il più lungo della sua carriera.
    In battuta però meritano menzione anche Duran, 4 su 5 con un RBI e due basi rubate e Kevin Plawecki (Kevin Plawecki!) che ha terminato 2 su 4 con un 2B.
    Cosa dire per concludere? La cosa più evidente è che, nonostante segua il baseball da decenni, è del tutto evidente che non ci capisco nulla. Bloom seleziona giocatori, che sembrano al più mediocri, alcuni proprio merce avariata, poi arriva Cora, che mescola questi ingredienti non edibili, per confezionare manicaretti di alta cucina. E non ho la più pallida idea come sia possibile. L’unica cosa certa è che questo numero lo ripetono regolarmente, anno dopo anno. Non può essere fortuna, o, come si dice, la terza volta non può essere una coincidenza.

  4. bellissimo post…. me lo posso conservare x rileggerlo nel periodo di vacche magre? abbiamo sempre detto che CORA SA, ma adesso sta proprio esagerando…..

  5. Story ha appena messo la valida che ci permette di andare sul 5 a 0.
    Mai alzare la mani dal manubrio prima di tagliare in traguardo ma, insomma, dovessimo vincere anche sta sera, sarebbe un 3 a 0 agli Indians fuori casa, che mi sembra tutt’altro che un impresa facile da realizzare.
    Al solito, sono troppo facile agli entusiasmi, ma questa squadra mi sta piacendo un sacco!
    GO SOX!

  6. Bella Sweep in trasferta, alziamo il livello delle aspettative per il temibile luglio che ci si presenta !! Gli ex-Indians sono sembrati poca cosa, ma è anche merito Nostro !!!
    GO SOX !

  7. Andiamo a Toronto con Connor Seabold che partirà in gara 1 mentre dall’altra parte ci sarà niente meno che Kevin Gausman!! Sulla carta un confronto impari, ma Connor quest’anno viaggia con un ERA di 2.09 in 11 partenze con i Woo Sox. Vediamolo contro Guerrero Jr e compagnia…

  8. Seabold non se l’è cavata neanche male visto l’attacco che aveva davanti. La mia preoccupazione è che gli infortuni non comincino a incidere sul lavoro di Cora e del suo staff; finirà anche la sfortuna di Sale prima o poi..

  9. Punto di domanda va attaccato alla parola. Non va lo spazio (come per la virgola ed il punto esclamativo). Sono stato impertinente?

    Ciao!

  10. Con Garrett Whitlock ancora nella IL i Sox hanno chiamato Connor Seabold dal Worcester per la sua seconda partenza in carriera nella major league. Purtroppo l’opportunità non è stata colta. Le cose si sono complicate fin dal principio e sono andate di male in peggio. In 4 inning e 2/3 Seabold ha concesso 7 ER, 9H, BB, HBP con anche. 7SO che non compensano la prestazione.
    Seabold non avrebbe mai dovuto iniziare il quinto, durante il quale ha incassato altri 3 punti che hanno chiuso il match definitivamente, ma l’attuale stato degli infortunati avevano ridotto le chance a disposizione di Cora.
    Dall’altra parte eravamo alle prese con un veterano come Kevin Gausman in gran spolvero, che non ci ha fatto vedere una palla fino al terzo e tenuto a cuccia per tutto la sua esibizione. Tuttavia, se il punteggio fosse rimasto sul 4-0, è ragionevole pensare che avremmo avuto qualche possibilità nel finale.
    Vediamo stanotte se riusciamo a restare in partita più a lungo.
    Non volgio commentare le notizie che dovrebbero aprire il cuore alla speranza e che riguardano il ritorno in azione degli uomini in IL. Spesso su queste faccende lo staff parla con lingua biforcuta. Quando toreneranno, se torneranno, credo che ce ne accorgeremo immediatamente

    • Ciao Mauro, se guardiamo solo all’oggi possiamo dire che effettivamente Seabold non ha colto la sua opportunità, come hai giustamente scritto.
      Io però ho visto anche molto di buono nella sua performance. Contro uno dei migliori lineups della AL , oltre ai 7 SO che hai evidenziato ha anche indotto 21 swings-and-misses, numero che nessun lanciatore dei Sox aveva ancora raggiunto quest’anno. Ma ancora di più mi ha colpito il suo changeup che ha parecchio infastidito gli avversari e che da solo ha provocato 7 whiffs. Certo rimangono gli homers di Springer, Vlad Jr. e Chapman, ma credo che questo ragazzo sia da considerare per il futuro.
      Difficilmente rivedremo Seabold a breve, già si parla di un’attivazione di Silvino Bracho dalla taxi squad (bah…) con ritorno di Connor a Worcester, però quello che abbiamo visto stanotte non è tutto da buttare e credo giocatori come lui, Josh Winckowski e Kutter Crawford possano diventare una risorsa per il futuro, aspettando i vari Bello, Mata e compagnia.
      Go Sox, stanotte tocca a Wacha e poi l’ultima partita della serie a Pivetta. La musica potrebbe e dovrebbe cambiare…
      PS vedo che abbiamo un correttore nel gruppo, allora sono spacciato, io di solito non riesco a comporre una frase senza errori… 🙂

      • Sono d’accordo con quello che dici, d’altra parte non ho nessuna avversione particolare per Seabold. Mi limitavo a constatare che da un giocatore di cui si sente parlare da un po’ (ha 26 anni), al quale finalmente viene data la palla in una partenza in major league, mi sarei aspettato una maggiore cazzima. Tuttavia il bilancio, come dici tu, presenta dei chiaro scuri e non è tutto da buttare. Spero sinceramante che abbia l’occasione di rifarsi in futuro, perhè certi treni che perdi non è detto che passino di nuovo.
        PS Un correttore in questa chat mi sembra utile come uno snocciola funghi in cucina, però non si può mai dire.

  11. Non commenterò lin dettaglio la gara di stanotte, la prima sconfitta consecutiva rimediata a giugno, perchè alla fine è sintatizabile in un nome e un cognome: il nostro closer titolare Tanner Houck.
    La partita ha avuto l’andamento che ci si poteva aspettare stante le caratterisrtiche delle due squadre. Toronto parte forte tocando duro Wacha, ma senza dilagare, Boston viene fuori nel finale approfittando (ma non abbastanza) del bull pen avversario. Entriamo nel bottmm del non con il minimo vantaggio che non riusciamo a conservare. Perchè non ha lanciato il closer titolare? Semplice, non era potuto entrare in Canada per le norme sul vaccino.
    Quanto costa una sconfitta in MLB? I Red Sox potrebbero rifarsi del maltolto visto che questo signore è un loro dipendente, ma per noi non cambierebbe nulla.

  12. Non voglio assolutamente difendere Tanner che non vaccinandosi ha messo i suoi compagni in una pessima situazione.
    Però noi della Nation siamo bravi a esagerare… Leggendo i media di Boston sembra che la sconfitta di stanotte sia solo colpa di Tanner e dell’assenza di un closer. Pochi rimarcano la non felicissima serata di Wacha (4 earned runs su 7 valide, 3 walks, e solo 2 two strikeouts non sono i numeri a cui ci ha abituato quest’anno).
    Nessuno ricorda che JD stanotte non è pervenuto (3 strike outs e zero valide). Nessuno ricorda che al top del nono avevamo le basi piene e solo 1 out, ma poi, invece di sfruttare l’occasione per chiudere veramente la partita, abbiamo concesso un agevole doppio gioco ai Blue Jays.
    Per la Nation è colpa di Tanner, che peraltro a inizio stagione doveva essere uno starter ma che si è trovato a fare il closer per le carenze di Barnes e compagni del bullpen.
    Forza Sox, niente pessimismi, stanotte Pivetta contro Manoah è una sfida che da sola meriterebbe di stare svegli…

    • E va bene Davide, mettiamo pure nella giusta considerazione tutte le componenti delle sconfitta che hai giustamente enumerato. E’ indubbio che abbiano avuto un peso. Magari fosse andata per il verso giusto anche solo una delle cose che sono andate storte avremmo vitnto. In fin dei conti è stata una sconfitta di misura, no? Resta comunque una grande differenza rispetto alla vicenda di Tanner Houck: sono tutte situazione di gioco che capitano prima o poi in una stagione ad ogni giocatore. Tanner Houck invece ha mancato di contribuire allo sforzo collettivo perchè se l’è andata a cercare, per di più con l’aggravante dei futili motivi. Cpisco perchè sono tutti incazzati come biscie!

      • Mauro grazie mille per la risposta, apprezzo tantissimo! Incrociamo le dita per stanotte, go Sox!

  13. Qualcuno di voi si ricorda la ragione per la quale abbiamo scambiato Hunter Renfroe per riportare JBJ al centro del campo? Certo che è stato proprio un bell’afffare! Stanotte JBJ è andato al piatto per 3 volte con l’uomo in terza ed è stato eliminato in tutte e tre l’occasioni, senza portare a case neppure uno straccio di RBI. Nelll’ultima occasione finalmente ha spedito la palla in profondità, per un F8. Disgraziatamente era questa volta c’erani già due out.
    Ok direte voi, pero è ancora un esterno che fa i miracoli in difesa. Ni. E’ ancora un gran difensore, ma i miracoli non gli riescono più così bene come una volta e all’ottavo abbiamo incassato il punto del momentaneo pareggio.
    Fortunatamente Alex Verdugo ha ribadito di essere uscito dallo slamp e ci ha fatto percepire cosa avrebbe potuto essere avere ancora Hunter Renfroe nel lineup. I 2 punti battuti a casa nella parte alta del nono (con i due out determinati GIDP di Xman) sono stati indispensabili per la ns vittoria con il minimo scarto, che ha peraltro risparmiato a Tanner Houck un’altra incetta di maledizioni e malocchio da parte di tutta la nation.

  14. Buone notizie da Chris Sale: nella notte ha giocato con Portland in double A lanciando per 4 innings ottenendo 7 K’s e 16 swings-and-misses e subendo un solo run.

  15. Complimenti a Grethel Robles per l’ennesima splendida prestazione. È in uno stato di confusione totale

      • D’accordo con te. E anche Rich probabilmente andava tolto prima. Ma è anche vero che Cora e Bush devono fare con quello che hanno che si chiama Danish, Robles, Sawamura, Brasier…Houck ormai è un closer (bah..) e non possono giocare sempre Schreiber e Stram…

  16. Evitata la sweep al termine di una partita rocambolesca. Se questa era la parte facile non oso pensare come affronteremo il ciclo terribile che ci attende. Da ieri anche Rich Hill è stato aggiunto alla lunga degli infortunati, per la distorsione al ginocchio sinistro rimediata ieri al quinto e che ci è costata la partita. Probabilmente il vecchio Hill starà via a lungo perchè sembra abbia rimediato lo stesso infortunio che lo tenne un mese lontano dai campi di gioco quando era con i Dodger. Phillips Valdez è stato chiamato dal Triple-A per prendere il suo posto nel roster attivo, ma non è un partente e siamo un po’ carenti in organico in quel ruolo. Questo non può coglierci di sorpresa! Era nei piani del front office sostituire, dopo il mese di giugno, la coppia di veterani composta da Hill e Wacha, con i titolari Sale Paxton. Purtroppo c’è stato un piccolo ritardo. Riguardo Sale Cora indica l’11 luglio per il ritorno, mentre Paxton è ancora in missione per conto di Dio. Nulla di preciso anche per quanto riguarda Eovaldi e Whitlock. Sappiamo solo che il secondo, quando rientrerà, sarà riassegnato al bullpen. E questo ci riporta alla questione dei partenti. E niente Wacha, Pivetta, e Winckowski continuano ad essere tre ogni volta che li conto. Occorre proprio che Cora cominci a operare miracoli anche in infermeria.

  17. Bravi Davis Crawford e Schreiber! E mercoledì potremmo anche vedere Brayan Bello, Cora ieri non ha escluso questa possibilità!

  18. Il baseball è uno sport che si svolge con i tempi, i ritmi e le candenze che hanno scandito la storia dell’umanità stanziale, dalle origini fino alla rivoluzione industriale. Si comincia a marzo (mese dedicato al dio della guerra), quando si mobilitano gli eserciti, per arrivare alla piena estate, quando si scatenano le campagne decisive.
    Stanotte abbiamo affrontato la prima 14 partite consecutive contro raggetti e pigiamini, che inevitabilmente segnerà la stagione. Nel periodo di luglio e agosto 2021 i Red Sox hanno ottenuto un record di 25-28 che ci è costata la leadership nella division. Tutto lascierebbe pensare che anche quest’anno potrebbero trovarsi di fronte a un risultato simile, anche per la lunga sequela di infortuni che ha falcidiato il monte di lancio e non solo.
    Per la partita di ieri Cora doveva sostituire, fra gli altri, X-man, che ha rimediato 7 punti di sutura alla coscia per una scivolata in seconda di Contreras, e Wacha, che accusava insensibilità al braccio.
    Per il monte Alex tira fuori dal Cilindro Austin Davis, schierato come opener, per tirare la volata a Kutter Crawford che ha lanciato 5.1 inning senza subire punti. I Red Sox hanno dominato, ottenendo uno shutout apparentemente semplice nella sua esecuzione. Un altro capolavoro assoluto targato Alex Cora.
    Ma l’emergenza non è finita. Mercoledi esordirà in major league il ventitrenne domenicano, Brayan Bello, attualmente considerato da Baseball America come il miglior prospetto di lancio nel sistema di Boston. Probabilmente non era questo il piano per un ragazzo che ha iniziato la stagione a Portland in doppio A, ma la penuria di lanciatori ha accesso i riflettori su di lui, complici le ottime prestazioni ottenute a Worcester. Dal 17 maggio Bello ha registrato 2,81 ERA e 2,68 FIP con 72 SO per 21 BB in 51.1 inning.
    E’ un periodo un po’ così, bisogna viverlo alla giornata, facendo i conti solo alla fine.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.