Un tranquillo spring training

Se riesco a smettere di ridere dopo aver sentito certe pronunce dei telecronisti di ESPN riguardo ai cognomi dei giocatori italiani del WBC (oddio … italiani) posso provare di buttar giù qualcosa su queste due prime settimane.

La prima cosa da dire è che non sembra nemmeno uno spring training dei Sox, tutto così normale, tranquillo, direi quasi rassicurante; ma vi ricordate cos’è stato lo spring training l’anno scorso ? Sembrava il Circo Barnum, mancavano i trapezisti ed i giocolieri, ma di clown ne eravamo provvisti in gran numero. Invece quest’anno sembriamo una normale squadra di baseball che cerca di preparare una lunga e difficile stagione senza occupare le pagine dei giornali con dichiarazioni che al 99% erano delle ottime occasioni perse di rimanere in silenzio. Non so voi, ma io sento davvero poca nostalgia del circo mediatico che abbiamo conosciuto fin troppo bene.

Tornando alle tematiche più legate al campo il primo dato da sottolineare è la preoccupazione ormai diffusa circa le condizioni fisiche di Big Papi, avendo ben presente l’importanza dell’omone di Santo Domingo e non avendo un Piano B per sostituirlo c’è da incrociare le dita. Viene ancora espresso ottimismo circa la possibilità che il nostro DH sia pronto per l’Opening Day, però siamo al 7 marzo ed il giocatore è ancora impegnato in corse leggere; anche se il timing per la prima partita a NY fosse rispettato c’è da chiedersi in quali condizioni si presenterebbe il giocatore, ma soprattutto c’è chi comincia a domandarsi se il ricco biennale concesso a Big Papi non sia stato un grosso azzardo dato il punto di domanda sulla sua salute.

Altre tema caldo ricorrente rimane Mike Napoli che finalmente ha debuttato e l’ha fatto in pompa magna con un HR; che il nostro nuovo pupillo abbia uno swing che attizza lo sa anche un bambino di due anni, che abbia la possibilità di dimostrarlo in una stagione di 162 partite è tutta un’altra questione. Oltre a lui tra i titolari (o semi-titolari) sono sembrati già in buona forma Salty, Pedroia ed ovviamente Iglesias che tutti gli anni sembra un fenomeno … fino al 31 marzo. Degli uomini sulla collina segnalo un ottimo Uehara ed un Lester ancora migliore, mentre la “maglia nera” la guadagna Joel Hanrahan toccato pesantemente ogni volta che s’è presentato sul mound.

Detto che s’è fatto vivo Carl Crawford (chi ???) per dire che la colpa del suo flop a Boston è della stampa e detto che io invece pensavo fosse colpa della crisi economica, dei Maya e degli alieni che vengono da Saturno, sono a farvi una preghiera personale. Dal 1° agosto ESPN America chiuderà i battenti e sparirà il canale tv che è diventato una droga per tutti i maniaci dello sport USA. Se tenete alla salute mentale del vostro blogger, vi prego … inondate Sky di mail, telefonate, telegrammi, minacce, di quello che volete per indurli a creare un’alternativa nel loro palinsesto. Non voglio ridurmi a guardare la solita trita e ritrita trasmissione basata sul nulla che emerge dal calcio italiano. Meritiamo di meglio.

Share

9 thoughts on “Un tranquillo spring training

  1. Oh, mamma, questa me l’ero persa ed è un fulmine a ciel sereno! Ma chiude proprio o chiude l’accordo con Sky? ESPN ha tre canali se non sbaglio, spariscono tutti?

  2. Guarda Skuffia…
    http://www.endzone.it/2013/02/27/breaking-news-dal-1-agosto-addio-a-espn-america-e-espn-classic/comment-page-1/
    io ho già mandato mail minatoria a Sky…. no answer per ora…

    davvero una ferale notizia, più o meno quella che si son visti recapitare Aceves e Romo ieri sera, quando i messicani in Arizona a fine partita gli han detto… “vosotros son delle emerites pippes!!!!!”
    Che soddisfazione… che gioia… se sommate il carisma di Guardiola e la competenza motivazionale di Phil Jackson, ottenete Marco Mazzieri.

    • Grazie Davide. Consolazione inutile, ma almeno so che ESPN non chiude ma è stata comprata da BT che la oscurerà nel resto d’Europa. Ripeto, magra consolazione, ma pensavo fosse fallita e sparisse anche espn.com.

  3. Che goduria ieri!! Avanti Italia e avanti Sox!
    Per il fatto di ESPN .. ma sono seri?? Io non avrei nessun altro modo per continuare a seguire il baseball

  4. Senza ESPN come facciamo a vedere cose come l’Italia (si fa per dire) di iersera? e tutto il campionato? Paolo, quando dici certe cose devi farlo piano piano!!!

    PS. a p. 161 del libro di Francona è svelato l’enigma del tizio con le cuffie gialle perennemente seduto dietro al piatto quando i Red Sox giovano in casa. E senza ESPN come farò a vederlo?

  5. Raffa, visto che non comprerò il libro Francona, puoi rivelarci pure a noi cosa fà il tipo con le cuffie gialle? me lo son chiesto sempre anche io 🙂
    Su Espn America, purtroppo questa volta non possiamo neanche incazzarci con Sky visto che questa è una decisione indipendente dalle loro volontà, avevano un contratto in atto fino al 2017, non ce ne va mai bene una a noi poveri appassionato di sport “sfigati”.
    Però per lo meno per il baseball ce la mitica Mlb.tv che con un centinaio di euri di vedi tutta la stagioen con un servizio veramente da paura come molti di voi ben sapranno, il problema adesso sarà seguire tutti quegli altri sport come l’NFL e i college sports, ma anche tutte quelle fantastiche rubriche che ti permettevano di rimanere inormato senza sbatterti tanto, sono veramente depresso.

    • Si chiama Jeremy (Jerry) Kapstein, definito un “Lucchino guy”. Altro non dico perché non mi permetterei mai di invadere il ruolo di recensore del libro al nostro magico Paolo!

  6. Non male Aceves livellato al terreno da un canadese. Occhio a scatenare una rissa coi canadesi !!! Quelli nascono con l’hockey nel DNA e si sa … nell’hockey non mancano le risse.

  7. Io ho perso le speranze Nation… mi sto già preparando e autoconvincendo a una stagione del Papi da 38 partite… con continui up&down dalla DL e fiumi di articoli e consulti medici… Purtroppo quelle zone lì, tendine d’achille, tallone, calcagno, sono stronzissime… sono INoperabili (a meno di spaccature totali ovvio…), fastidiosissime e non guariscono mai…
    Peccato perchè con Napulè poteva formare una coppia intrigante, “proteggendosi” a vicenda.
    E poi, giusto per non godere troppo della profondità del bullpen, Morales e Breslow iniziano in DL… abbiamo solo Andrew Miller come mancino… e a questo punto chissà che Bard non entri nel Roster…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.