TOP

Visto che servono rimpiazzi cosa bolle nelle minors ?

Archiviata in fretta la partita di ieri notte dove abbiamo visto tutte le cose che non devono capitare : attacco sterile, difesa che sbaglia troppo (8 errori nelle ultime 5 partite), giocatori che si scontrano e s’infortunano e visto che le minors sono l’unico bacino dal quale possiamo attingere giocatori dato che la Trimurti ha giurato “mai più free agent di prima fascia” volevo cogliere l’occasione di dare una controllata ai nostri virgulti che evoluiscono nelle minors, sperando di cogliere un flash che ci faccia dire che abbiamo in gestazione i prossimi Miguel Cabrera o Buster Posey. Detto di Webster che stanotte giocherà la sua seconda partita nell’empireo e che secondo parecchi a fine anno sara lo starter n.3 della ns. rotation come stanno andando gli altri prospetti sul monte ?

Partiamo da Matt Barnes che dopo il trionfale 2012, dove sia la classe A che la A+ erano state facili conquiste, ha debuttato in Doppio a Portland e qui le cose si sono un po’ inceppate, 6 partite molto altalenanti, sembra però in crescendo dato che le ultime due sono state molto positive, il ragazzo ha una fastball che fischia e mette strikeout che è un piacere, al momento gira ad oltre 5 di ERA ma ripeto che è una cifra inflazionata dalle prime uscite infelici. Quest’anno al massimo potrà provare il triplo A, per il tardo 2014 potrebbe essere pronto per il gran debutto.

L’altro arrivato nella trade coi Dodgers è Rubby De la Rosa.  Starter a Pawtucket, viene comunque impiegato col contagocce anche per salvaguardarlo dopo il Tommy John di fine 2011. Andamento simile a quello di Barnes, male nelle prime uscite, bene nelle ultime 3. Fastball bomba anche 97-98 mph … ed un area di strike difficile a volte da trovare. Per diventare un partente stabile da livello di sopra deve imparare a far qualcos’altro oltre che a tirare missili. Progredisse poco, resterebbe però abbastanza talento per farne un bel rilievo da inning finali.

Si parlava qualche anno fa come di un futuro campione di Anthony Ranaudo ma, dopo un campionato universitario vinto e dopo troppi infortuni era scivolato indietro nella considerazione ed anche la velocità sembrava essere stata intaccata dagli infortuni. Quest’anno in doppio A sembra rinato, coi suoi 23 anni fa ancora in tempo a costruire la carriera, sarà fondamentale che dimostri tenuta fisica. Non essendo un lanciafiamme deve essere un mostro di finesse. L’anno scorso disastroso comporta per lui di dover dimostrare di valere in quest’anno viceversa rischia un futuro con una professione diversa dal giocatore di baseball.

Se volete un nome caldo ma ancora acerbo vi dico Henry Owens , stiamo però parlando di un 20-enne che deve mangiare ancora tante pagnotte, fino ad ora dimostra di valere la prima scelta spesa nel 2011. Viaggia a Salem in A Avanzato ma già entro l’anno può fare il salto in Doppio. Progetto a medio termine, ha saltato l’università per buttarsi subito nel baseball che conta. Futuribile … ma intrigante.

Passiamo ai battitori : Xander Bogaerts dopo il Classic con l’Olanda è partito in Doppio A lancia in resta, .300 di average e parecchi extra-base. Quello però che lascia senza parole in molti è la maturità che dimostra (ed ha solo 21 anni) ed ha migliorato un tecnica difensiva un po’ legnosa. Nonostante ciò c’è chi dice che possa anche cambiare ruolo “da grande” , l’angolo caldo o il posto sotto il Green Monster potrebbero essere il suo futuro. Se continua così chissà che a settembre non gli faccino assaggiare il boccone prelibato MLB.

Poca maturità invece sembra dimostrare Josè Iglesias finito a scaldare la panca a Pawtucket negli ultimi giorni per motivi disciplinari. Sembra che il ritorno nelle minors non si stato digerito dopo l’inizio in prima squadra. I numeri messi insieme in Triplo non giustificano la sua ira , se sono bastate 10 partite buone a Boston per montarsi la testa allora vuol dire che non stiamo parlando di una mente brillante.

Ben diverso sembra essere l’approccio di Jackie Bradley che iniziata la sua stagione in Triplo batte un bel .300. Per uno che solo 12 mesi fa era ancora in Singolo questa è tanta roba. Finito nei giorni scorsi in lista infortunati avrà tutto questo 2013 per imparare. In tanti sostengono che sia uno con tanta zucca, a settembre tornerà a Boston e se la maturazione sarà compiuta non se ne andrà più per un bel po’ di tempo. Non m’aspetto il nuovo Trout o il nuovo Harper, m’aspetto però un bel giocatore.

Il nome nuovo o seminuovo è Garin Cecchini terza base che sta facendo sfracelli in A+ , un metro e 90 di atletismo. Bello il giudizio che danno di lui le guide, lo riporto in toto : High baseball IQ. Quick learner and makes adjustments. Chiaro che per lui si parla almeno del 2015 come anno d’arrivo, tra parentesi il guanto è dolce visto che giocava nella keystone prima del draft con Boston.

Questi sono i nomi sui quali progettiamo il futuro, ho tenuto fuori i Lavarnway o simili che ormai le regole MLB non considerano rookies. E se proprio volete qualche altro nome vi dico Bryce Brentz (bel esterno destro potente), Blake Swihart (catcher futuribile) che parecchi dicono possa fare una carriera anche in altri ruoli e Brandon Workman pitcher che forse sta emergendo dopo un po’ di attese mancate.

Due piccole considerazioni finali : 1) l’unico pregio dello schifoso 2012 è che quest’anno al draft chiameremo per settimi, occasioni da non mancare. 2) Formazione 2015. C Lavarnway – 1B Napoli – 2B Pedroia – 3B Middlebrooks – SS Bogaerts – OF Brentz Bradley Mister X – SP Webster – Buchholz – Lester – Barnes – Mister X . Può andare ? Se i Mister X fossero acquisizioni esterne della Madonna …

Share

21 comments. Leave a Reply

  1. 2five34

    Analisi eccezionale, soprattutto per chi come me vede un video ogni tanto delle minors. Una domanda, ma anche nel 2015 siamo destinati a non avere un closer? Comunque siamo sempre tanto in ansia perché tifiamo Boston e accettiamo solo il meglio. Ma nonostante la botta presa contro Texas e la mazzata dei Twins, abbiamo sempre la squadra con il miglior record.

  2. Roberto

    La seconda mazzata presa dai twins…ma stiamo facendo esperimenti o cosa?

  3. 2five34

    Quest’altra non me l’aspettavo proprio. Ho l’impressione che i nostri partenti siano solo due. Anche Webster ha bisogno di tempo. Se non ricordo male pero’ Lester e Buchholz avevano iniziato meglio. Le mazze stavolta hanno portato punti, Ortiz a parte, ma ogni tanto capita a tutti.

  4. fabrizio1967

    Legnata paurosa sia di Webster che di Felix. Il mio modesto parere è che i partenti affidabili siano 3 includendo anche Webster. Non ho perso le speranze su Lackey…ma forse sono l’unico.

    • Davide

      No no Fab67 NON sei l’unico a credere ancora a Lackey. Non sarà più e non tornerà quello del 2007 (miglior era in AL…) ma è un legittimo che compete con Hughes, Phelps, M.Gonzalez, Freddy Garcia (sì proprio lui…) che sono i suoi pari-grado delle 2 squadre “concorrenti”… il problema non è davvero Lackey…

  5. Max

    Grazie a Paolo per la bella disamina. Peccato per ieri sera più valide dei Twins e Lackey ha lanciato bene, il suo errore al sesto però è risultato decisivo. Momento delicato, perché oltre al closer, alcuni partenti non funzionano bene (mi spiace per Webster, ma sarà bene farlo maturare ancora nelle minors) e il lineup ha limiti che ben sappiamo. E’ chiaro che non potevamo mantenere il ritmo di partite vinte che avevamo, ma il calo non deve diventare una caduta libera come sembrano indicare le ultime 6 sconfitte su 7 partite. Adesso due serie chiave contro Jays in casa e Rays fuori per trovare un assestamento. Let’s go Red Sox!

  6. Vincenzo

    Qualcuno mi sa spiegare che cavolo sta succedendo…..4 su 4 perse con i twins…non capisco, come si fa a perdere cosi?!?!?

    • Max

      Beh una l’abbiamo vinta 😉 …

      • Vincenzo

        Hai ragione

    • Max

      Beh una l’abbiamo vinta 😉 …

  7. 2five34

    Non riusciamo a finalizzare le battute che comunque abbiamo sempre. Con i Twins avremmo dovuto vincere la serie invece… Lackey come Dempster, tanti K e perde le partite. Siccome non reggono più per tanti inning, forse è il caso di pensare a loro come possibili closer, perché di solito un inning o due li riescono a fare bene. Comunque la prima con Mortensen alla fine l’abbiamo vinta. La serie con i Twins l’abbiamo persa 1-3. Ora vediamo cosa otterranno Lester e Buchholz con Toronto. Conto su loro due per qualche W.

    • Vincenzo

      Grazie per la spiegazione gentilissimo

    • Vincenzo

      Grazie per la spiegazione gentilissimo:)

  8. Max

    Cappero ho appena visto che il buon Hanrahan va in 60-day DL e rischia operazione al gomito! Arriva dalle Minors De La Torre come rilievo… speriamo che almeno a metà maggio torni Bailey!

    • Davide

      Questa è veramente assurda… Mi ricorda il Pineda del bronx… Scambiato per Melancon il quale assieme a Grilli forma la coppia setup-closer più letale delle intere Mlb… Faccio notare due cose: 1) l’uomo MAI stato in DL nelle passate stagioni… e se Pineda era un rookie, codesto ha 7 anni passati con 362 games e 100 saves. Se Bailey è fatto di swarosky, codesto è (era…) un workhorse…
      2) ha UN anno di contratto… se fa il Tommy John torna inizio 2015… lo firmerà Tampa per due paste e cappuccino e tornerà a lanciare bombe e salvare…

  9. 2five34

    Una domanda riguardo alle ultime partite di Ortiz. Qualcuno di voi pensa che potrebbe essere condizionato dalle accuse di Dan Shaughnessy? Certo se un giocatore subisce un attacco, per di più motivato in gran parte dal suo luogo di nascita, tanto sereno nel giocare non sarà.

    • Davide

      Spazzatura mediatica. (E sono stato gentile…)
      Condizionamento verso il Papi: uguale al mio….

    • Euro

      Dan Shaughnessy è il peggio del peggio della già non brillantissima stampa specializzata bostoniana, i suoi articoli sono roba buona giusto per la differenziata, Big Papi gli ha già risposto a tono anche perchè son accuse basate sul nulla.

  10. Roberto

    Papi se ne f…te..dopo la maledizione del bambino abbiamo la maledizione del closer e di tutto il monte..la stagione è ancora lunga…

  11. mauro

    Guardate che il problema a me sembra l’attacco, non la difesa, che non sarà impeccabile ma non certo inguardabile. E’ l’attacco che manca di continuità e di profondità. Ho compilato lo score dell’ultima partita e si vedono cose che altrimenti possono sfuggire. Per esempio i 7 K negli ultimi 3 inning, che hanno spento ogni ns velleità.
    La cosa brutta è che questa inconsistenza non è episodica, ma strutturale. Non abbiamo i bombardieri che servono per farsi spazio nella AL e probabilmente non c’è rimedio.
    Lackey invece è stato sfortunato. In fondo ha incassato un solo ER, anche se il difensore con cui se la deve prendere è proprio lui stesso. Comunque quest’anno ha fatto un bel rimbalzo in avanti rispetto a quando lo avevamo salutato (con sollievo di tutti) alla fine del 2011. All’inizio concetto avevo formulato il concetto che Lackey potrebbe essere la chiave della stagione. Era basato sul presupposto che gli altri starter potessero apportare il contributo atteso. Invece Doubront è già naufragato e siamo appena a Maggio. In questo caso però una soluzione forse si può trovare.

  12. 2five34

    Lester, Lester e ancora Lester. E neanche una BB. Peccato quel doppio di Itzuris nel sesto inning. E 118 lanci non vorreri che fosse un carico troppo grandi. D’altra parte come fidarsi dei rilievi? Sono ancora preoccupato per Ortiz, è un po’ troppo che non c’è. Secondo me per chiunque l’attenzione negativa dei media dà fastidio e in una certa misura condiziona.

Leave a Reply

Your email is never published nor shared.

You may use these HTML tags and attributes:<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>