TOP

Gemme inattese

E’ dura non farsi prendere dall’entusiasmo, quasi più dura che sconfiggere l’afa che sta assassinando la Romagna e zone limitrofe. Tre partite dominate tranne i primi tre inning di gara-1 ed il nono attacco degli Yanks i gara-3, quando un Kimbrel parecchio scentrato ha fatto diventare il volto di chi vi scrive di un inesplicabile colore verde. Ma stiamo chiaramente parlando di inezie, tre vittorie dall’importanza enorme nell’ottica della classifica, vittorie costruite da una squadra che sembra ormai andare a pieno motore, che riesce a avvertire poco gli infortuni; in questo periodo dell’anno tutte le squadre hanno giocatori in lista infortunati, ditemi però se avete sentito l’assenza di Sale, Devers o se hanno sentito più gli Yankees le mancanze dei vari Judge e Happ. Come sempre in questi casi, merito a chi va in campo.

Già … ma chi è che va in campo ? Ci vanno i vari Betts e Martinez che rischiano di giocarsi tra di loro il titolo di MVP, ma da qualche tempo ci vanno soprattutto le piccole gemme che abbiamo trovato in un mercato che non poteva portare ai Sox nomi di prima fascia, ma ci ha portato degli onesti giocatori che stanno dando un rendimento impensabile alla vigilia, ovviamente i due uomini sui quali mi voglio soffermare sono Eovaldi e Pearce, che hanno tantissimi meriti in questi tre giorni al Fenway.

Nathan Eovaldi credo che 15 inning consecutivi con zero punti subiti li abbia fatti solo con la Play Station a casa sua, prima di queste due prime partite; mi verrebbe da dire che l’aria del Fenway quest’anno sia davvero salutare, perchè dico questo ? Perchè guardo ciò che aveva fatto questo lanciatore prima di palesarsi tra noi. Era arrivato in ritardo in stagione causa infortuni precedenti ed aveva offerto un contributo che era quello di un onesto lavoratore delle Majors. Da noi ha giocato contro Twins e Yanks coi risultati che abbiamo visto, aveva giocato coi Twins anche la penultima partita della sua carriera con Tampa, non riuscendo a chiudere il terzo inning subendo otto punti. A volte trovarsi in un ambiente vincente da una spinta psicologica enorme. Chiaro che è un campione statistico limitatissimo, ma sembra davvero che abbiamo trovato uno che fino a fine stagione può reggere uno degli ultimi posti della rotation senza fare troppi danni.

Steve Pearce andrebbe reso edotto che in Italia c’è un gruppo di svalvolati che l’ha fatto diventare il Papi Bianco oppure Paul Pierce; lui evidentemente non si è trasformato nella leggenda col n° 34 e men che meno nell’uomo che ha governato il Boston Garden per più di un decennio, è però un battitore interessante, mi sembra il classico pull-hitter che si trova bene col Muro Verde ed è un uomo che pare essere il un battitore di striscia specie con la battuta lunga; mi spiego meglio : non è certo un fuoricampista, ma nella prima decade di aprile aveva battuto HR in tre partite consecutive, salvo poi andare in bianco per più di un mese, non se ora siamo nel momento della striscia e poi se ne riparlerà a settembre inoltrato, fatto sta che abbiamo un uomo in più che può tornarci davvero utile, che si candida almeno ad uno split con Moreland per la prima.

Stanotte, ad un orario impossibile per noi italiani, ci potrebbe essere il colpo del KO. Se proprio devo essere sincero mi piacerebbe avere sul monte un boxeur diverso da David Price, ha un ennesimo tentativo per provare ad entrare nella considerazione comune, le ultime due sono state molto belle, l’ultima contro gli Yankees fu un disastro. L’aria del Fenway, che ha fatto vivere ad Eovaldi una settimana da asso ed ha trasformato Pearce nel Papi Bianco, speriamo possa fare del bene anche a Price, darebbe a noi una spinta eccezionale e darebbe a loro un ingresso in un tunnel di polemiche devastante. Vale tanto stanotte, non è una partita di 162, vale molto di più.

Share

19 comments. Leave a Reply

  1. 2five34

    C’è nessuno qui? Partiamo senza JBJ, perché?

    • Giacomo

      Spero sia solo riposo; intanto Price sembra reggere

  2. Svegliato in tempo per la sorpresa del nono inning. Serie faticosa per i closer 🙂

  3. Dio quanto amo il Baseball

  4. SWEEEEEEP!

  5. 2five34

    SWEET SWEEP!!!! Il meglio che potevamo ottenere. Azzeccatissime le dcelte dei pinch runner fatte da Cora. Price convincente.
    Andiamo avanti così e recuperiamo qualcuno degli infortunati. Go SOX!!!!

  6. Angelo Mozzetta

    La goduria che provo attualmente credo sia vietata in almeno 14 stati americani.

    • e anche dal Governo Federale! 🙂

  7. Xtf.

    Radiosa giornata !!! Musica dal Fenway !! Grande sweep e Price convincente nonostante l’inizio un po’ affannoso.

  8. franz6201

    Gli siamo entrati sottopelle..Goduria infinita!!!!!!!

  9. Home Sweep Home!!!
    Goduria irrefrenabile!!!!!!

  10. Mi piacerebbe avere delle telecamere segrete per sapere cosa sta succedendo in casa Yankees. Certamente Aaron Boone, che fa la sfinge coi giornalisti, dovrà dare qualche spiegazione sul perchè uno squadrone che avrebbe dovuto ammazzare la division, se la fa nei pantaloni appena sente l’odore di calzette rosse.

    Nelle ultime 10 stagioni, gli Yankees hanno perso solo due partite, ieri e il 15 settembre 2016 quando conducevano, con tre o più punti al nono inning, in entrambe le occasioni erano al Fenway Park. Questa volta però, se è possibile, è stato ancora più doloroso, perchè sulla carta avrebbero dovuto essere loro la squadra da battere. Invece non hanno saputo reggere il confronto, prima di tutto, a livello mentale. Si sono bloccati sulla linea del traguardo, incapaci di fare l’ultimo passo. I tre punti del nono derivano da una singolo, un wild pitch, tre BB e un errore. Praticamente Aroldis e gli Yankees hanno fatto la maggior parte del lavoro!
    Nel decimo nessuna reazione: 9 lanci di Barnes per far fuori Bird, Gardner e Romine, fino alla mattanza del vitellone Holder (sempre più simpatico ogni giorno che passa), che non riesce a chiudere dopo i due out iniziali.

    Insomma Boone dovrà passare un brutto quarto d’ora, anche perchè è venuto fuori un suo vecchi tweet di quando faceva il commentatore per ESPN. Il tweet era composto di una sola parola: Mookie!!!!.

    Quando anche il manager dei MFY tifa per te deve essere proprio l’anno buono! 🙂

    • 2five34

      Parlando di commentatori di ESPN, l’unica cosa storta ieri è stato il fatto che MLB.tv ha messo proprio loro, uno dei quali era A-Rod. Potevano risparmiarcelo.

  11. Le reazioni a New York …
    https://www.boston.com/sports/boston-red-sox/2018/08/06/how-new-york-media-covered-the-red-sox-sweep-of-the-yankees
    ci dovrebbero essere alcuni articoli interessanti su WEEI ma non riesco a visualizzare il sito, non so se qualcuno di voi ha lo stesso problema.
    Personalmente non credo affatto che i pigiamini si concentrino sulla WC, saremo lì: testa a testa fino alla fine …e speriamo bene. La serie comunque ha dimostrato che abbiamo più soluzioni in attacco e in difesa, mentre i loro rincalzi non sono all’altezza dei titolari … e questo ha un suo peso.

  12. Dovrebbe avere un peso anche il fatto di parlare la stessa lingua in un team, come ha spiegato bene Boone nella conferenza stampa, bisogna poter contare gli uni sugli e appoggiarsi a vicenda…
    https://www.youtube.com/watch?v=799xHoNPszE

  13. 2five34

    Bene la W con i canadesi. Martinez, Moreland e JBJ vanno e continuano ad andare. Kimbrel invece non somiglia più a Kimbrel. Speriamo sia in pausa estiva. A noi serve il Kimbrel vero in ottobre. Pomeranz non è quello dell’anno scorso. Vediamo chi sarà il quarto partente per i playoff.
    Siamo sempre davanti a tutti. Go SOX!!!!

  14. Soncio79

    Ormai diamo così scontate le vittorie che ci siamo pure stufati di commentarle 😁
    Io pensavo ad un normale calo dopo le quattro vittorie sui pigiamini.. invece niente! Questi sox non mollano di un centimetro..grandi!!

    • Io non commento perché sono a Stoccolma e i Sox 2018 sono talmente superlativi che ci sarebbe bisogno di un nuovo vocabolario per descriverli adeguatamente.

  15. 🙂

Leave a Reply

Your email is never published nor shared.

You may use these HTML tags and attributes:<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>