TOP

Cercasi macchina del tempo

Avessimo la macchina del tempo faremmo un salto all’indietro di qualche anno e così l’ingaggio di Grady Sizemore sarebbe il colpo di cui parlare fino a sfinirsi. Ma visto che la macchina del tempo non è stata ancora inventata rimanendo solo un classico della fantascienza, c’è solo da commentare uno di quei movimenti di mercato che personalmente non capisco e che sembrano più degli scherzi che delle cose serie.

Avrete già capito che non condivido i commenti della serie “ok … è un tentativo .. costa poco”. No … non ci siamo proprio … siamo per caso tornati all’inverno di due anni fa ? Quando ci facemmo quella bella infornata di Cook, Padilla ed altri fossili ripescati dal museo ? Mi spiace paragonare Sizemore, che è stato un grandissimo giocatore, a costoro; ma oggi cosa diavolo possiamo aspettarci da uno che, sebbene solo 31-enne, non ha visto un campo da baseball nelle ultime due stagioni e nelle tre precedenti ha giocato 70 partite di media ? Per tacere poi della sequela pressochè infinita di interventi che ha subito …

Vabbè … prevengo quello che leggerò : vedo il bicchiere mezzo vuoto, sono un fan di Giacomo Leopardi (falsissimo), etc. etc. etc. Semplicemente a me invece tutto ciò pare una cosa ridicola, ancora più ridicola considerando che si parla dei Boston Red Sox che se non erro sono la squadra Campione, cose di questo genere le fanno (col tutto il rispetto) gli Houston Astros o i Florida Marlins. Poi chiaro che non possiamo non sperare che questa mossa da giocatore che getta l’ultima fiches sul tavolo verde abbia successo ma sembra proprio che si sia puntato su un numero singolo … sai mai che esca. E dire che si sta parlando di uno che poteva davvero essere un All-Star perenne. Non avete idea di quanto mi piaceva Sizemore nel suo momento d’oro : un giocatore duro mentalmente, con degli skills difensivi di primissimo ordine, costante in attacco a livelli alti e veloce a correre … per essere precisi lo avrei scelto anche davanti ad Ellsbury. Ma stiamo parlando di un’altra era.

Di questa storia mi piace poco anche il messaggio implicito che c’è sotto. Si cercano esterni centro perchè c’è paura che la mossa di mettere Bradley titolare possa essere affrettata. Se fosse così occorreva munirsi di un buon giocatore, non un campione, che potesse supportare Bradley, invece la politica della lesina (alla faccia dell’ulteriore aumento dei prezzi del Fenway) ha prodotto la mossa Sizemore che non può produrre danni alla nomea di chi questa scelta l’ha fatta : se non funziona sentiremo il coro : “cosa vuoi mai che sia … era un tentativo.” E se mai dovesse funzionare partiranno le fanfare.

Certo che da questa offseason mi aspettavo poco, ma questo è molto molto molto meno di poco.

AGGIORNAMENTO IMPORTANTE : Lester dichiara di voler restare a Boston e di essere disposto anche a prendere meno rispetto a quello che potrebbe prendere se testasse il mercato, un po’ come Pedroia. E’ arrivato il messaggio in Yawkey Way ? Ehi Cherington !!!! MUOVERSIIIIIII !!!!

Share
Read More
TOP

Prigionieri del nostro successo ?

Non sono sparito, non ho fatto domanda d’ammissione alla Legione Straniera e non sono nemmeno preda d’una crisi mistica che m’abbia fatto mollare il baseball per cercare nuovi orizzonti spirituali. Semplicemente gli ultimi giorni credo che siano stati i meno interessanti nella storia dei Red Sox dal giorno della fondazione nel 1901 ad oggi, nessuna notizia un minimo intrigante o qualche pezzo di “gossip baseball” che possa accendere la discussione. Niente di niente … il vuoto cosmico o quasi.

Facendo un rapido resumè delle ultime settimane s’è letto d’un possibile interessamento per Chris Denorfia dei Padres … e della squadra italiana del 2009 e 2013 al World Baseball Classic, si sarebbe data un’occhiata a Scott Podsednik che ero convintissimo si fosse ritirato dal baseball attivo, in più per eccitarci come non mai dovreste sapere che abbiamo firmato uno sconosciuto lanciatore giapponese, tale Hideyoshi Otake, da uno lega minore del Sol Levante. A chi vincerà l’asta per Tanaka noi rispondiamo con questo nuovo ingresso. Va mo là …

D’accordo il profilo basso, era illogico aspettarsi i fuochi d’artificio, ma non è che questo benedetto profilo è troppo basso ? Un semplice ingresso dei rookie al posto dei free agent partiti è il massimo che si poteva fare ? Come dice il titolo : siamo prigionieri del nostro successo maturato per vie originali ? Così originali che non ci dobbiamo abbassare a competere nel 2014 ? La risposta sta nel mezzo : i rookies vanno provati, altrimenti non avrebbe senso avere un farm team; quello che ad oggi trovo assolutamente carente è il fatto che il duo Bogaerts & Bradley sia fatto danzare sul filo senza aver predisposto un minimo di rete sotto. L’unico esterno centro ipotizzabile al posto di Bradley sarebbe Victorino che però mi parrebbe sbagliato spostare dal complicato esterno destro del Fenway, così come Jonathan Herrera non può essere una risposta qualora il bimbo di Aruba (o Middlebrooks) fossero in crisi. Torniamo al punto : Drew andava bene e forse oggi costa anche meno di un mese fa, invece leggo che i Sox sperano che firmi altrove in modo da avere una scelta in più nel draft; va bene allevarsi i giocatori in casa, ma preferire una scelta del draft che non sappiamo neanche chi sia ad uno che (bene o male) è stato un titolare d’una squadra campione MLB è l’estremizzazione d’un concetto che sarebbe anche corretto e tutti gli estremismi non portano mai buoni frutti.

Sotto sotto la paura cova : che negli uffici di Yawkey Way comincino a credere d’essere onnipotenti e onniscienti. Aver indovinato ogni scelta nel 2013 non è una garanzia che questo accada anche nel 2014. Speravo che il tesoretto venisse in qualche modo usato, con qualche giocatore buono non ottimo per quei ruoli un po’ scoperti oppure per estendere il contratto a qualche veterano che tra un anno sarà free agent. Invece non si muove foglia ed andiamo a cercare samurai sconosciuti. Spero che l’andazzo cambi perchè in caso contrario mancano circa undici mesi ad una bella conferenza stampa con John Lester nel mezzo, Joe Girardi alla destra e Brian Cashman a sinistra. Brutta scena … eh ?

Share
Read More